venerdì 16 settembre 2016

Il Segreto: Severo e Sol vogliono lasciare Puente Viejo e.. Video


Già abbiamo parlato della decisione di Sol di lasciare Puente Viejo che non rimarrà senza conseguenze nelle prossime puntate de Il Segreto.

Come ci dicono le Anticipazioni, Severo deciderà di non lasciare sola la sorella, dicendosi disposto a trasferirsi insieme a lei a Madrid, dove potranno cominciare una nuova vita, finalmente insieme.

Ormai pronta a partire, Sol scriverà una commovente lettera d'addio a Lucas (Alvaro Morte) ma il trasferimento avrà davvero luogo? In attesa di scoprirlo, non perdete i video che raccontano la vicenda. 


5 commenti:

  1. Non sopporto la violenza con cui Severo ha trattato la sorella e la complicità dell'amico Carmelo in tutto questo. Ben venga averle offerto la possibilità di avere tutto riscattandosi dalla prostituzione ma se la donna non voleva non aveva nessun diritto di sequestrarla. Almeno Carmelo poteva avere un po' più di senno e liberarla, invece si è mostrato più spietato del fratello: Sol era priva di sensi e Carmelo non voleva neppure chiamare il medico per timore che la liberasse. E questo è amore? Se questo è amore io preferisco che tutti mi odino così non rischio di essere reclusa. Pessimo esempio per tanti genitori preoccupati per figli che possono avere amori ed amicizie errati, che rischiano con la droga: con l'esempio di Severo tanti penseranno di risolvere legando un figlio mani e piedi. Ho letto che Sol si riconcilierà con il fratello e progetterà con lui di trasferirsi a Madrid. Non mi piace questo finale; avrei voluto che ci fosse stata fatta giustizia. Ieri Lucas si impegnava a denunciare se Sol, dopo 24 ore, fosse stata ancora trattenuta contro volontà. Avrebbero dovuto liberarla dopo di che la donna sarebbe dovuta andare via dicendo al fratello che, dopo ciò che le aveva fatto, non c'era più possibilità di ricucire. Io, al posto di Sol, lo avrei fatto dannare facendogli credere con una lettera che, una volta andata via liberata dalla polizia, mi sarei suicidata non potendo sopportare il ricordo della prigionia in mano a lui. E' più accettabile che a sequestrare sia un carnefice, un delinquente he vuole il riscatto, ma è assurdo che lo faccia un congiunto perchè mi vuole bene. Perbacco, di persone che mi odiano probabilmente non ne troverò sul mio cammino mentre di coloro che mi vogliono bene ce ne saranno tanti e, man mano che si vive, se ne aggiungono

    RispondiElimina
  2. Quando nasciamo ci sono solo i parenti, poi via via si aggiungono colleghi ed amici sinceri; ognuno di questi potrebbe sequestrarci per non farci sbagliare e per proteggerci, se ritiene di sapere cosa è meglio per noi? Severo avrebbe meritato che la sorella si fosse tagliata i polsi: se l'avesse trovata morta avrebbe capito che, rispettandola, l'avrebbe avuta ancora con la speranza che la donna ci ripensasse o che, invecchiando, l’avrebbero mandata via dal "lavoro" che faceva, mentre, trattandola come un diritto acquisito, l'avrebbe persa definitivamente? Gli autori hanno fatto schifo facendo passare i due rapitori come i salvatori della situazione e facendoli poi trionfare con il ripensamento della donna. Severo avrebbe pagato bene con l'arresto per il sequestro e con la partenza della sorella che non avrebbe dovuto concedergli più nessun contatto, ne anche per lettera, e avrebbe dovuto gridare ai 4 venti cosa le hanno fatto lui e il suo amico. Si è mostrato peggiore del patrigno che la possedeva con il ricatto; quest'ultimo non aveva cuore. Severo sembra averlo ma se questo è cuore io preferisco chi non lo ha. Non bastano pene per un comportamento del genere. Se lo facesse un marito non ci si penserebbe 2 volte a denunciarlo. Possibile che non solo non debba pagare ma anzi debba prendersi il merito di aver salvato la sorella, senza che nessuno rilevi che le ha fatto passare un inferno peggiore di dove stava? Possibile che debba passare per un eroe e diventare il signore del paese? Che farà quest'uomo quando qualche altra scelta della sorella o di un figlio non gli andrà giù? Che farebbe se l'amico Carmelo si innamorasse della donna che ritiene sbagliata? Ricorrerà al sequestro ogni volta che crederà di sapere cosa è meglio per la persona che ama? Che schifo. Mi disgustati anche quando Gonzalo rapì Maria: io al posto di quest'ultima mi sarei ricreduta su di lui e sarei tornata con Fernando, stavolta facendo la moglie in tutti i sensi e concependoci un figlio a dispetto d Gonzalo che mi aveva legato mani e piedi per "salvarmi" Chi mi coarta mi perde. Anche in quel caso gli autori hanno premiato la violenza di Gonzalo che, a differenza di Fernando, era l'eroe buono, facendogli avere l'amore di Maria per sempre. Dopo un'azione del genere, invece, Maria doveva ritenerlo uguale se non peggiore di Fernando e poteva scegliere per nessun dei due. Io avrei detto" Ti amavo, ma ora che hai mostrato la tua prepotenza, non più" Annullare la persona per farle del bene è l'assurdità più atroce. Eppure più volte la fanno passare per buona e salvifica, senza che se ne paghino le conseguenze. Pessimo esempio. Quello che ho visto ieri è stato atroce: Sol sta malissimo e perde i sensi, il medico dice al fratello che sono attacchi di panico dovuti alla tortura che sta subendo e il fratello neppure si arrende nè l'amico Carmelo lo sprona, anzi lo asseconda dicendo che si occuperà di Lucas e staremo a vedere se non lo minaccerà di morte. Se Sol non avesse ripreso conoscenza ma fosse andata in coma dopo il mancamento si sarebbe arreso il fratello tiranno? Caro fratello e caro amico, la vostra prigioniera è stata troppo buona. Io al suo posto avrei finto di accondiscendere così avreste aperto le porte dopo di che sarei sparita e non avreste più saputo nulla di me. Mi sarei fatta credere suicidata, così avreste pianto per tutta la vita il vostro errore. Non c'è giustizia che possa ripagare una tale tirannide. E se lo scopo era di "salvare", mi sarei fatta tutto il male possibile, avrei scelto il peggiore delinquente come uomo della vita, alla faccia vostra, così avreste capito che non avevate il diritto di impormi nulla

    RispondiElimina
  3. Scrivi proprio tanto!!! Ahaha scherzo ovviamente! :)

    RispondiElimina
  4. fatti vedere da un medico..ma di quelli bravi però..curati!!!

    RispondiElimina
  5. No, perché ci si cura per cambiare, ma io non voglio cambiare. Quelli bravi di cui Lei parla, cioè gli strizzacervelli, non curano ma cambiano il paziente e sono carcerieri proprio come il protagonista di cui si parla. Lei per caso appartiene a questa categoria? Se non vi appartiene non è nemmeno qualificato per farmi diagnosi e prescrivermi cure

    RispondiElimina